SAILINGSARDINIA

LA VELA DELLA SARDEGNA SUL WEB

 

 

 

 

               

 

 

 

Number one? Oristano!

 

Come da pronostico vince Kimbe, ma è stata Oristano, con il suo Circolo Nautico, con la sua ospitalità e il suo golfo a ricevere i consensi di tutti

 

 
 

 

Dopo tante regate delle vele bianche, dei Gran Crociera, dei gruppi A,B,C ecc ecc, finalmente si regata con un solo vincitore, tutti nello stesso gruppo e tutti a...barche uguali! E' questo il J24 in Sardegna con una coriacea flotta di una quindicina di barche che regatano con entusiasmo e se le danno (anche materialmente) di santa ragione. A Oristano si è appena conclusa la prima tappa del 2013. Kimbe, come da pronostico, ha vinto ma, soprattutto nelle ultime giornate, si è riscontrato grande equilibrio tra le barche presenti

 Oristano. Un campo di regata eccezionale con la partenza a poche centinaia di metri e un bordeggio mai scontato fanno sì che il Golfo di Oristano sia uno dei più divertenti della Sardegna. Protetto a 360° regatabile 360 giorni l'anno, il golfo ha reso le regate tra le più belle della classe. Grazie ad un'ospitalità genuina (la premiata ditta Silvestro & friends) , e la sua centralità in Sardegna, fanno sì che tutti i Jisti abbiano mostrato tutto il gradimento per la location.

Sandro Ricetto, Presidente del Comitato. Ci ha fatto divertire. Questa volta ha lasciato da parte la sua tradizionale usanza di piazzare il campo di regata lontano da terra e dal porto e, con dei percorsi veloci e precisi, ha fatto divertire tutte le barche presenti ad Oristano. Certo ha avuto vita facile, con un vento abbastanza regolare, ma con tempi di attesa minimi, e una buona puntualità, ha minimizzato gli sprechi di tempo.

Kimbe. Sempre forti. L'accoppiata Alberto Gai e Nicola Campus va proprio veloce e quasi sempre dalla parte giusta. Hanno iniziato terrorizzando gli avversari piazzandoci subito tre primi in tre prove. Poi, con l'arrivo di Vigne Surrau e Botta Dritta, hanno rallentato un pochino, controllando la classifica e avversari e, complice un pizzico di sfortuna, nel finale hanno perso gran parte del vantaggio accumulato.

Botta Dritta e Vigne Surrau. I loro duelli ci hanno appassionato negli ultimi anni, ma ormai sembra che Kimbe li abbia retrocessi ad un ruolo di secondo piano. "Kimbe non è imbattibile" dice Mariolino Di Fraia e questo lascia presagire ad un 2013 ricco di bagarre

La flotta. Regatanti con tanta esperienza hanno fatto sì che le regate siano state fantastiche, con il giusto mix di aggressività condita dal fair play immancabile in chi le regate le fa da tanto tempo e non sfrutta ogni cavillo del regolamento per raschiare il punticino in classifica. Sia ben chiaro: non regalava niente nessuno!

Ora le barche vanno a Cagliari dove, per tradizione, il numero degli iscritti sale decisamente. Si supereranno le venti barche in mare?

 

 

 

 
 
 
 
         

 

   
   

 
   

 

 

 

 

 

L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell'utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà alla loro pronta rimozione.