SAILINGSARDINIA

LA VELA DELLA SARDEGNA SUL WEB

 

 

 

 

 

               

 

 

 

Tempo di bilanci 2

Continuiamo, con le foto della seconda prova dell'Ottava Giornata il bilancio di mid season sulla Cfadda Cup

 
FOTO

 

 

GC Gruppo C Forse la classe più avvincente. Il Carloforte Sailing Team inizia da dominatore con una sequenza di primi posti che sembrava ammazzare il Campionato. Dietro, Enif, Abbardente, Zuben e anche il Sims, sembravano combattere per il secondo posto. Poi quelli di Enif hanno preso il “professionista”…Sì, con Roberto Pardini la musica è cambiata e l’imbarcazione di Luciano Biggio ha iniziato a carburare. La presenza a bordo di Pardini ha ringalluzzito il timoniere Maurizio Barrella che, dopo qualche episodio da dimenticare, ha trovato una forma smagliante tanto da farsi fotografare, con tutto l’equipaggio, con i “baffi finti stile Pardini”. Con gli ultimi risultati i ragazzi hanno guadagnato anche in bellezza, e non per le cerate nuove tutte uguali! Se su Enif c’è tanta da esultare, su CSC invece l’umore è ben diverso. “Domenica scorsa avevano rotto il paterazzo, la barca sporca e il genoa sfondato” dice Davide Gorgerino che si sta arrovellando il cervello per capire il perché delle mediocri prestazioni. Effettivamente abbiamo visto CSC fare delle splendide regate e soprattutto nell’ultima prova dove,con una umiliante (per gli altri) partenza mure a sinistra in boa, non sono riusciti a raccogliere quanto avrebbero meritato. La vela è così…a volte si entra in crisi e non si capisce il perché…Ora un solo punticino separa i ragazzi di Gorgerino dall’attacco di Enif. Sarà una classe da seguire attentamente nelle prossime giornate

 

GC Gruppo G altra classe da seguire. I JOD sono il monotipo della SIV con a bordo tutti gli allievi della scuola e qualche elemento importante che, saltuariamente, da il suo contributo in esperienza. In testa abbiamo Silvia Abis che in realtà ha una gestione familiare della barca con il marito Roberto Cuboni. Hanno iniziato alla grande e sono sempre rimasti al vertice, con e senza il supporto di un esperto esterno. Il loro team ha una gestione very professional, dalla cambusa (di gran lunga i panini più buoni della Cfadda Cup) alla organizzazione dei vari ruoli. Un team che ha il valore aggiunto di una stagione sul Melges 24 elemento che li mette una spanna sopra gli altri. Alessandro Putzolu però non sta a guardare e sembra determinato a non mollare un cm. A bordo con lui abbiamo visto in qualche occasione il laserista azzurro Giovanni Meloni e anche Nello Stinca ma, anche quando ha fatto tutto da solo, non ha fatto male. Marco Dotta invece si porta a bordo il fortissimo Lorenzo Gemini, però la concorrenza è spietata e spesso si ritrovano ad inseguire. L’unica certezza è che per sapere il vincitore di questa categoria bisognerà aspettare fino all’arrivo dell’ultima prova

 

VB Gruppo E Il gruppo delle vele bianche nasconde la loro grande carica agonistica dietro il fatto che non usano lo spy. Sì, perché pur essendo formata da equipaggi con poca esperienza in regata, è quella su cui ruota tutto il movimento della Cfadda Cup. La classifica in questa categoria molto particolare. Non c’è un vero dominatore anche se Lyra, con la sua costanza, sembra avere le carte in regola per acchiappare il risultato finale. Però scorrendo la classifica e analizzando le varie giornate vediamo imbarcazioni come Wyuna e soprattutto Tinky Winky, fare piazzamenti molto altalenanti; probabilmente il tipo di compensi va bene in generale, ma l barche hanno prestazioni molto diverse a seconda delle condizioni meteo. Questo potrebbe essere il motivo dei piazzamenti così poco costanti, anche perché grandi manovre (vedi spi o gennaker) in cui un errore può rovinare una regata, non ne devono fare. Anche qui vale quindi la regola che si aspetta all’arrivo dell’ultima prova per conoscere il vincitore

VB Gruppo D. A fine anni 70 c'erano quattro Stag24 che vincevano tutte le regate d'altura a Cagliari. Uno di quei quattro è arrivato fino ai giorni nostri (a proposito chi era il primo proprietario?) e con una livrea stile Vento di Sardegna, sta dominando la CFadda Cup nella sua categoria: Stagme Alla Larga. Luca Casu, il suo armatore, ha vinto quasi tutte le regate lasciando pochissime volte il primo posto solo a Tinky Winky piccolo. Certo, sette punti di differenza iniziano ad essere importanti e nonostante Stagme viene sempre data favorita, Tinky Winky ha ancora buone possibilità di attaccare il primo posto. Questa classe la seguiremo...

 

VB Gruppo F. Il vincitore in questa classe sembra essere già dichiarato. Si tratta di Bruno Carta col vecchio Koala che, vento o non vento, vince sempre. Ha perso solo in una prova in cui l'abbiamo visto fare una disastrosa partenza. Ma se parte regolare...ciao a tutti! Diventa interessante quindi lo scontro per il secondo posto tra Patuk, Sibelia e Aldebaran.

 

FOTO

 
 
 
 
 
 
         

 

   
   

 
   

 

 

 

 

 

L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell'utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà alla loro pronta rimozione.